domenica 28 giugno 2015

Tempesta D'Amore: Julia e Niklas - Riassunto puntata 2247 [Anticipazioni]


Tempesta D'Amore: Puntata 2247 [Il processo III/Julia e Niklas]. Sebastian non risponde alla domanda di Niklas, il quale strappa il figlio dalle mani di Julia e riconosce subito la calligrafia di Patrizia. Julia cerca in ogni modo di far accettare al fratello la proposta di Patrizia, ma il ragazzo non ha nessuna intenzione di cedere. Allora interviene Niklas dicendo che deve essere suo padre a decidere, in completa autonomia. 

Friedrich una volta scoperto della lettera va su tutte le furie e non ha alcuna intenzione di accettare; Niklas cerca di farlo ragionare, ma invano. Il ragazzo però insiste, sarebbe solo per una volta e Mila non sarebbe da sola, ci sarebbero lui o Julia a controllare Patrizia. Una volta poi avvenuta la cosa e con Julia e Sebastian fuori dal carcere, Friedrich non deve fare altro che dimenticarsi della cosa. Ma Friedrich non ci sta, anzi accusa Julia di aver architettato la cosa per trarne vantaggio e aggiunge che è stato fin troppo benevolo sia con lei che col fratello e per questo non ha alcuna intenzione di aiutarli ancora, soprattutto se si tratta di venire a patti con l’omicida della figlia! Julia difende il fratello, lui non aveva nessuna intenzione di mostrargli la lettera e Friedrich gli dice che se è vero che Sebastian è davvero pentito deve raccontare tutto quello che sa al processo, solo così potrà davvero rimediare ai propri errori! Niklas: È colpa mia se ha detto di no, ma deve assolutamente scusarsi. Julia: Non avremmo dovuto chiederglielo. Hanno ragione sia lui che Sebastian. La proposta di Patrizia è inaccettabile. 


Al processo Hermann mostra al giudice la lettera di Patrizia e quest’ultimo decide di impedire alla donna di testimoniare e il processo viene rinviato al giorno dopo. Patrizia ovviamente cerca di provocare Friedrich dicendogli che Sophie non avrebbe mai perdonato il modo in cui così velocemente si è dimenticato di lei. Friedrich allora perde la pazienza, Niklas riesce a fermarlo in tempo e Patrizia viene portata via. 

Julia: Per oggi è andata. Ci rimane domani. Niklas: Ma quanto sei intelligente! Riuscirai a convincere anche il giudice. Julia: Nonostante tutte le volte che Hermann me lo ha ripetuto, spero davvero di dire la cosa giusta. Niklas: Lo spero anch’io! Julia: Riesci ad essere serio almeno una volta? Niklas: Che c’è? Spero davvero che tu dica la cosa giusta! Ti aiuto! Ripeti dopo di me.. Julia: Io.. amo… Niklas Stahl. È questo quello che devo dire davanti al giudice? Io amo Niklas Stahl? Niklas: E io amo te, Julia Wegener, non dimenticarlo mai! Julia: Hai ragione, tutto il resto è secondario. Non importa se verrò condannata o meno, tu mi hai perdonato, questa è la cosa più importante! Grazie. 

Friedrich non riesce a darsi pace, dopo l’incubo della notte precedente in cui Sophie l’accusa di essere un pessimo padre perché non ha saputo riconoscere la sua vera figlia e che per questo non lo perdonerà mai. Julia va da lui e l’uomo la rimprovera ancora una volta di aver cercato di coprire il fratello e per questo le dice che non sa se crederle o meno e dice che non avrebbe mai dovuto farlo, almeno adesso sarebbe in pace con la figlia. 

Julia è chiamata a testimoniare e il giudice le chiede di raccontare alla corte come è diventata Sophie Stahl. Julia: Gli Stahl mi hanno accettato nella loro famiglia e io mi sono sentita così felice, ma ho mentito a loro per tutto il tempo e mi pento profondamente per quello che ho fatto. 

Il giudice dice a Friedrich che è l’unico che può aiutarlo a capire se condannare o meno gli imputati. Entrambi si sono pentiti per quello che hanno fatto, ma allo stesso tempo per mesi hanno mentito e si sono protetti a vicenda. A quel punto gli domanda perché ha rinunciato a costituirsi parte civile al processo e Friedrich gli risponde dicendo che a nessuno piace trovarsi davanti ad una corte. Il giudice allora gli chiede se la pietà e il perdono possono venire prima anche alla legge.

[A cura di Elisa Bondi]

13 commenti:

  1. molti forti anche i risvolti del processo. carmen

    RispondiElimina
  2. Concordo. Sarebbe potuta essere una cosa istituzionale e noiosa, invece le personalità e le paure dei personaggi coinvolti vengono messe in luce molto bene. Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'emotività dei personaggi è bellissima in questo frangente

      Elimina
    2. d'accordo con voi. chiara

      Elimina
  3. Bellissimi questi episodi♡♥!rebecca1

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto vedere che, nonostante tutti i problemi e le situazioni pesanti rta cui destreggiarsi, Niklas e Julia riescano a ritagliarsi dei momenti tutti per loro!
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, è un'isola felice. molto bello.

      dora

      Elimina
  5. Non dimentichiamo comunque che i due Weggener hanno fatto una cosa molto grave,a prescindere dalle loro motivazioni,e nella vita reale non credo se la sarebbero cavata ad un processo(almeno è da sperarlo) e difficilmente i parenti della vittima li avrebbero perdonati...
    Poi,tutto il resto è soap: sempre belli i momenti tra Julia e Niklas!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Al massimo, se ci fossero i presupposti, nella vita reale si potrebbe avere uno sconto di pena ma qualcosa si avrebbe comunque. Magari li avrebbero anche perdonati, ma col tempo e non dopo 2 minuti. Comunque, il bello delle soap sta anche nel poter giocare con la fantasia. Laura

      Elimina
    2. diciamoche julia aveva tante attenuanti ma lui proprio no. federica

      Elimina